ƒ

6 cose che non vorresti sapere sui dottori

Fatti e verità che non vorresti mai sapere sui dottori, dalle larve di mosca alle spugne intraoperatorie

di Valentina Cervelli 12 gennaio 2014 8:57
6 cose non vorresti sapere dottori

Dottori, check up: credeteci,vi sono delle cose che proprio non vorreste sapere nel momento in cui affidate la vostra vita ad un medico. Fatti che è meglio ignorare per non entrare nel panico. Noi ve li diciamo ugualmente.

Quando si parla di salute, la sicurezza e la mancanza di dolore sono le prime caratteristiche che tutti noi vorremmo trovare nell’avvicinarci a qualsiasi tipo di consulenza sanitaria. Purtroppo non è sempre così e dobbiamo scendere a patti con il fatto che talvolta, per curarci, vengano utilizzati metodi non propriamente…ortodossi, o che qualcuno possa sbagliare. Ecco qualche esempio.

  • Almeno il 15% delle diagnosi sono inesatte
  • Meno della metà dei dottori che commettono errori ammettono le proprie colpe
  • Vengono lasciate spugne dentro al corpo dei pazienti nel corso di un’operazione almeno 6 mila volte l’anno
  • Per curare le ferite infette, vengono utilizzate larve di mosca quando gli antibiotici non fanno più effetto
  • I medici che giocano ai videogiochi compiono meno errori in sala operatoria e intervengono più velocemente
  • La scrittura incomprensibile dei medici causa circa 7 mila morti l’anno

Comprensibile avere quindi un po’ di paura nell’approcciarsi ad un medico anche se, ammettiamolo, niente spaventa una persona, a prescindere dalla sua età, più di una visita dal dentista. Scommettiamo che non riuscite a togliervi dalla testa due punti in particolare: quello delle larve di mosca e quello dei videogiochi. Nel primo caso inutile dirlo, si tratta di sfruttare la natura per fare il lavoro che noi esseri umani, nonostante i progressi delle medicina, non siamo in grado di fare. E per ciò che concerne il secondo, ammettetelo: state pensando di premurarvi di una consolle per ogni evenienza.

Photo Credit | Thinkstock

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti