16 cose più strane fermate all’aeroporto

Armi ed oggetti illegali sapientemente nascosti che hanno fallito i controlli.

di Valentina Cervelli 14 febbraio 2015 9:46
16 cose strane fermate aeroporto

Talvolta tentare di spiegare quanto la gente a questo mondo sia strana è quasi impossibile finché non ti imbatti nei suoi stupidi tentativi di portare su un aeroplano delle cose assurde. Ecco le 16 cose più strane fermate all’aeroporto che forse rendono l’idea di quanto la razza umana avrebbe seriamente necessità di darsi una regolata.

1) Coltelli a serramanico camuffati da chiavi.

2) Coltelli camuffati da rossetto.

3) Proiettili nascosti nelle bibbie.

4) Un mortaio da combattimento.

5) Anguille vive.

6) Pistole, caricatori e mirini nascosti all’interno di peluche di varia tipologia.

7) Punteruoli nascosti in pennelli per il trucco, coltelli nascosti nei pettini per capelli.

8) Coltelli camuffati da decorazioni per le scarpe

9) Coltelli nascosti all’interno delle fibbie delle cinture.

10) Apribottiglie, pinze e coltelli a serramanico nascosti nelle cover dell’iphone da utilizzare a piacimento.

11) Esplosivo C4 in scatole metalliche per caramelle

12) Una bomba. Seriamente. La classica bomba da lanciare con un aereo.

13) Un batrang tagliente come quelli lanciati nei film di Batman.

14) Una mazza dentata come quella di Games of Thrones.

15) Arco per frecce e sciabola da Hunger Games.

16) 36 kg di marijuana.

La maggior parte degli oggetti sono armi e tutto è legato all’illegalità. Non sappiamo dire seriamente se troviamo più sconcertante che qualcuno abbia tentato di far passare per giocattolo un mortaio o se vogliamo davvero conoscere chi ha tentato di portare sull’aereo una bomba di quelle che dagli aerei di solito si lanciano. Cosa c’è di sbagliato nelle persone? E’ una domanda lecita a nostro parere. E poi tutta questa violenza… non la capiremo mai. L’idea più ingegnosa? forse il coltello all’interno del rossetto e delle chiavi.

Photo Credits | fuyu liu / Shutterstock.com

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti