ƒ

3 invenzioni dell’antichità usate ancora oggi

L'essere umano, in termini tecnici e ludici, deve molto ai suoi avi.

di Valentina Cervelli 16 novembre 2015 10:09

Spesso ignoriamo quanto molto di ciò che utilizziamo venga da un passato davvero remoto. Sono 3 in particolare le invenzioni dell’antichità che abbiamo portato con noi per millenni e che utilizziamo ancora: scopriamole insieme.

1. Serratura

La prima serratura è comparsa in medio oriente nel 4000 a.C ed era davvero molto semplice: un chiavistello era collegato a perni di legno che venivano sollevati da una chiave. Nonostante l’elementare costituzione essa era molto efficace. Solo l’inserimento delle chiavi, come accade tuttora dava la possibilità si smuovere il chiavistello e poter aprire la porta. Con il tempo la tecnologia è stata man mano migliorata riducendo le dimensioni della serratura.

2. Make up

Il trucco o make up è diventato una presenza costante per l’umanità in tempi molto antichi.  Dobbiamo ringraziare il popolo egiziano che 4mila anni prima della nascita di Cristo inventò un miscuglio di galena e fuliggine usato per contornare gli occhi e scurire lo sguardo. E non si trattava di una prerogativa femminile. Anche i blush sbiancanti per rendere più chiaro il viso venivano utilizzati da entrambi i sessi. La cosmetica nell’antichità era usata anche per curare: si era convinti che potesse proteggere gli occhi dalle infezioni.

3. Bowling

Anche in questo caso è necessario ringraziare nello specifico gli egiziani dell’antichità. A raccontarci che questo popolo amasse il “bowling” ci hanno pensato ricercatori italiani: sono stati portati alla luce i resti di un’antica pista. Ovviamente parliamo di un gioco antenato di quello attuale ma erano presenti piste specifiche in limo con scanalature e posto per posizionare i birilli. Ancor più importante: sono state rinvenute delle bocce di pietra levigata molo simili a quelle che utilizziamo attualmente.

Photo Credits | Africa Studio / Shutterstock.com

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti