ƒ

Marte, rinviata la missione “InSight”

Un problema alla strumentazione si è rivelato insormontabile.

di Valentina Cervelli 24 dicembre 2015 10:11

E’ stata rinviata, tra la delusione degli esperti della NASA, la missione “InSight” che avrebbe dovuto raggiungere Marte per studiarne l’interno ed il rilascio del calore proveniente dal nucleo.

Il lancio era previsto inizialmente per marzo ma alcuni problemi hanno portato, seppur a malincuore, gli scienziati a dover rinviare il lancio. Cancellare la missione non è stata una decisione facile da prendere, ma non è possibile per la NASA rischiare la rottura dei componenti della sonda. A presentare problematiche è stato nello specifico uno degli strumenti più importanti che la compongono, ovvero il SEIS, il Seismic Experiment for Interior Structure. Parliamo di un sismografo costruito dal Cnes, il centro spaziale francese,calibrato per misurare anche i movimenti più impercettibili del pianeta rosso.

Lo strumento, a quanto pare, ha mostrato di non lavorare in condizioni di vuoto assoluto così come si troverebbe su Marte, dando vita a delle perdite. Nonostante gli sforzi per ripararle in breve tempo, ci si è resi conto che il vuoto assoluto era impossibile da mantenere per il sismografo appena si toccavano temperature di -45°C.

E per quanto a noi comuni mortali tre mesi possano sembrare molti, quando si parla di strumentazione fine come quella che deve essere mandata su Marta, il tempo non è mai abbastanza. La finestra di lancio di InSight verrà ora sfrutta dalla sonda europea ExoMars. Il prossimo “spazio” utile per il lancio sarà nel 2018: con molta probabilità avverrà in quel momento. Dovremo accontentarci il prossimo anno di essere testimoni di questa ulteriore missione che tra l’altro, ha visto anche l’Italia impegnata nella costruzione della sonda.

Photo Credits | chainarong06 / Shutterstock.com

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: marte · nasa
Commenti