ƒ

Perseidi, torna lo spettacolo delle stelle cadenti

Mancano poche ore al momento di massima intensità del fenomeno delle stelle cadenti in cui la Terra attraversa lo sciame delle Perseidi.

di michelecostanzo 9 agosto 2016 11:02
Perseidi

Tutti pronti a portare lo sguardo al cielo notturno. Come ogni anno infatti si avvicina il momento di massima intensità per lo sciame meteorico delle Perseidi che caratterizza le notti estive tra fine luglio ed agosto. Un fenomeno spettacolare ed affascinante che da noi è poeticamente legato alla notte di San Lorenzo.

Perseidi e stelle cadenti

Quelle che comunemente chiamiamo ‘stelle cadenti‘ sono in realtà meteore che bruciano a contatto con l’atmosfera terrestre. Fenomeni del genere si verificano tutto l’anno ma il passaggio dell’orbita terrestre attraverso lo sciame delle Perseidi è tra i più intensi oltre che tra i meglio osservabili per effetto della stagione estiva.

Lo sciame delle Perseidi è alimentato dai passaggi della cometa Swift–Tuttle che segue un’orbita di circa 133 anni. Ad ogni passaggio la cometa lascia detriti di varie dimensioni in un tratto di spazio che interseca l’orbita terrestre. Da questa singolare e suggestiva combinazione nasce il mito delle stelle cadenti nelle notti di agosto che nella tradizione italiana sono anche indicate come ‘Lacrime di San Lorenzo‘ dal momento che il 10 agosto, data del calendario dedicata la santo, il fenomeno è prossimo alla sua massima intensità.

Perseidi, picco tra l’11 ed il 12 agosto 2016

Perseidi
In realtà il momento di maggiore intensità dello sciame meteorico è già da diverso tempo spostato un po’ in avanti rispetto al 10 agosto e si verifica attorno al 12 del mese. La NASA in particolare ha calcolato che in questo 2016 il momento ideale per l’osservazione delle ‘stelle cadenti’ sarà nella notti dell’11 e del 12 agosto.

Il fenomeno è atteso particolarmente intenso e simile nelle caratteristiche allo spettacolare evento del 2009. In condizione ottimali, stima sempre la NASA, sarà possibile osservare fino a 200 meteore ogni ora.

[Photo Credits | NASA/Bill Ingalls]

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti