ƒ

La rotazione della Terra rallenta, ma meno del previsto

Giorni più lungi per il rallentamento della rotazione della Terra. Ma meno di quanto atteso.

di michelecostanzo 12 dicembre 2016 10:41

La velocità di rotazione della Terra sta effettivamente rallentato, ma in misura minore di quanto finora ipotizzato. È questo il risultato proposto da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori britannici (F. R. Stephenson, L. V. Morrison, C. Y. Hohenkerk) e pubblicato su Proceedings of the Royal Society A.

Il lento rallentamento del moto di rotazione

Secondo lo studio, dal 720 A.C. fino ai giorni nostri il rallentamento del moto di rotazione della Terra ha determinato in media un aumento della durata del giorno di 1,8 millisecondi per secolo. Come si può notare si tratta di una crescita estremamente lenta che richiederebbe più di 3 milioni di anni per aggiungere un solo minuto alla durata del giorno. Tuttavia le cause di questo rallentamento sono molto importati per comprendere l’evoluzione della Terra nel tempo.

I nuovi risultati in particolare mostrano come il rallentamento della rotazione della Terra sia più lento di quanto finora previsto. Le stime precedenti parlavano infatti di circa 2,3 millisecondi per secolo. Lo studio suggerisce quindi che l’effetto frenante dovuto principalmente all’attrazione della Luna ed ai conseguenti moti di marea sia stata finora sovrastimata.

La rotazione della Terra misurata con le eclissi

Per determinare questi risultati i ricercatori sono partiti da una serie di dati storici sulle eclissi di Sole e di Luna rilevate in un arco temporale di circa 27 secoli. Nello studio sono confluiti i dati delle osservazioni dei popoli babilonesi, cinesi, arabi, ma anche dall’antica Grecia e dall’Europa.

Confrontando i punti di osservazione reali delle eclissi con quelli che teoricamente si sarebbero dovuti registrare, lo studio è arrivato a determinare un ritmo di rallentamento della rotazione terrestre più lento di quanto finora stimato.

[Photo Credits | OpenClipArt]

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti