Depressione materna, cosa comporta sull’educazione del figlio

La depressione materna influisce negativamente sull'educazione del proprio bambino.

di Maria Di Bianco 27 febbraio 2018 11:09

Molte mamme si ritrovano dopo il parto a vivere momenti difficili dovuti ad un cambiamento radicale della loro vita, si tratta di una condizione assolutamente naturale che può incappare nella depressione materna. Una situazione che non deve essere presa con superficialità, anche perché chi ne risente maggiormente di tale stato è proprio il bambino.

L’impatto che può avere sui figli questa depressione materna, seppur leggera, non deve essere trascurato. La madre che vive in questa condizione di ansia e di costante negatività si ritroverà ad avere comportamenti duri, con rabbia improvvisa, nei riguardi del bambino. Chiaramente il bambino che vive in questa condizione di negatività si ritroverà ad avere dei disturbi comportamentali in futuro. Una situazione chiaramente complicata da gestire in famiglia, perché una mamma che si ritrova con atteggiamenti aggressivi e di rabbia nei riguardi del bambino non riesce a percepire il danno che gli sta provocando.

Si è arrivati a tale conclusione attraverso uno studio effettuato da alcuni ricercatori e che ha preso in esame diverse donne afflitte da questa depressione materna. Se invece è il padre ad avere atteggiamenti di questo genere, il bambino non ne soffrirà quanto avviene con la madre, questo perché in genere i papà vivono meno tempo insieme ai loro figli. La soluzione migliore per le donne che vivono di depressione materna è quella di allargare la propria cerchia sociale, condividere le proprie sensazioni con altre persone amiche e farsi consigliare al meglio sul da farsi. Nei casi più gravi è necessario l’intervento di uno psicoterapeuta.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti