Dieta Flat Belly, la nuova dieta americana per la pancia piatta

Arriva dagli Stati Uniti la dieta Flat Belly che potrà consentire un dimagrimenti mirato nella zona addominale.

di Roberto S. 5 Settembre 2019 10:49

Terminate le vacanze tutti sono pronti a rimettersi in forma, provare insomma a disintossicarsi dopo qualche eccesso estivo e dall’America arriva la dieta Flat Belly, realizzata principalmente per eliminare il grasso addominale.

E’ come sempre consigliabile, quando si segue una qualsiasi dieta dimagrante, praticare attività fisica, ma a volte anche semplici lunghe passeggiate all’aria aperta possono favorire il dimagrimento in maniera più rapida. Questa dieta Flat Belly è adatta principalmente per coloro che hanno accumulato il grasso in eccesso in modo specifico nella zona addominale. Ad ideare questa particolare dieta sono state Liz Vaccariello e Cynthia Sas, esperte di benessere per la rivista americana Prevention.

In cosa consiste la dieta Flat Belly

E’ bene dire come questo particolare regime alimentare della dieta Flat Belly sia suddiviso in due fasi, con una prima fase che dura quattro giorni ed è qui che si inizia seriamente a perdere grasso addominale. La seconda fase dura invece quattro settimane e prevede l’assunzione giornaliera di circa 1600 calorie, non di più. Questa dieta Flat Belly è composta dall’assunzione di grassi monoinsaturi che dovrebbe essere ripartiti equamente nei principali quattro pasti della giornata. Gli alimenti quindi che sono più consoni a questo tipo di dieta sono le mandorle, le noci, i semi di girasole, l’olio di oliva, l’avocado ed i pinoli. Assimilando quotidianamente questi alimenti, ovviamente uniti alle proteine, ecco che in poco tempo si potrà riscontrare un netto miglioramento del proprio addome, con il grasso che rapidamente abbandonerà tale zona. Pensare però di riuscire anche ad avere degli addominali scolpiti solo tramite questa dieta è impossibile, non deve insomma mancare mai l’attività fisica.

Il menù tipico della dieta Flat Belly

E’ come sempre importante però consultare un nutrizionista o un dietologo prima di iniziare una dieta di questo tipo, ma possiamo fornirvi uno schema base della dieta Flat Belly. Il menù infatti prevede a colazione fiocchi d’avena cotti accompagnati da mezza tazza di fragole, a cui è possibile aggiungere una banana e un paio di cucchiai di mandorle. Pranzo con due fette di pane integrale, patè d’olive, 200 g di affettato di tacchino con contorno di lattuga, pomodorini e cipolle rosse. Come spuntino, la dieta Flat Belly consiglia una tazza di mirtilli (freschi o surgelati) o in alternativa uno yogurt greco. A cena si possono mangiare 300 g di capesante cotte in padella da accompagnare con un cucchiaio da caffè di semi di girasole. Sta ora a voi decidere se affidarvi o meno a questo tipo di alimentazione.

Commenti