EMSOpedia: l’enciclopedia online sulla guerra elettronica rivolta al mondo militare e civile

Il gruppo è pronto a condividere le proprie conoscenze ed esperienze con la comunità della difesa globale rivolgendosi anche a studenti, giornalisti, responsabili politici ed al mondo accademico.

di Redazione 30 Aprile 2021 17:59
Spread the love

Nel pubblicare online EMSOpedia, la prima enciclopedia dedicata alle Operazioni nello Spettro Elettromagnetico, Elettronica invita professionisti ed esperti a ‘mettersi in gioco’. Si tratta di un progetto enciclopedico con approccio scientifico aperto, un’opera collettiva in costante aggiornamento, destinata ad evolversi di pari passo con l’avanzamento tecnologico. Addetti ai lavori ed esperti in guerra elettronica e spettro elettromagnetico sono invitati a contribuire a questa iniziativa. Potranno inviare i loro contenuti al Comitato Scientifico di EMSOpedia per arricchire il glossario di nuove voci. In occasione del 70° anniversario del gruppo Elettronica, l’azienda ha voluto ringraziare tutti gli stakeholder lanciando un’enciclopedia unica al mndo che, al momento, conta 100 voci e 11 categorie.

Il gruppo è pronto a condividere le proprie conoscenze ed esperienze con la comunità della difesa globale rivolgendosi anche a studenti, giornalisti, responsabili politici ed al mondo accademico.

Elettronica, leader del settore in Italia, ha introdotto nel nostro Paese il concetto di ‘guerra elettronica’ (EW-Electronic Walfare). Investe mediamente 13 milioni all’anno in ricerca e sviluppo in previsione di minacce future. Negli anni, ha equipaggiato più di 3.000 sistemi su piattaforme navali, aeree, terrestri, spazio e cyberspazio di oltre 30 Forze Armate del globo.

Spettro Elettromagnetico, EMSO, guerra elettronica. Di che si tratta?

EMSOpedia: cos’è lo spettro elettromagnetico e l’EMSO?

Lo spettro elettromagnetico (EMS) è stato riconosciuto dalla NATO come ‘ambiente operativo’, un’infrastruttura virtuale mondiale decisamente critica, un dominio da proteggere. Interessa il mondo militare ma anche quello civile visto il numero sempre crescente di dispositivi wireless in grado di accedere e sfruttare lo spettro.

All’interno dello spettro avvengono operazioni militari e missioni, ma questo dominio coinvolge anche il mondo civile (sanità, cybersicurezza, sicurezza urbana, ecc.). In questo dominio operano onde radio, elettromagnetiche, microonde, ultravioletti, raggi X.

L’EMSO (Electromagnetic Spectrum Operations) è una disciplina relativamente nuova introdotta nel nostro Paese dall’ingegner Filippo Fratalocchi. Le Operazioni nello Spettro Elettromagnetico sono battaglie silenziose finalizzate al predominio dello spettro sempre più conteso dalle maggiori potenze mondiali. Avere il dominio totale dello spettro elettromagnetico significa prevalere in tutti gli altri domini, Incluso il cyberspazio.

Come funziona la guerra elettronica

La guerra elettronica è l’insieme di attività militari che sfruttano l’EMS per la protezione di aerei, navi e veicoli da minacce elettromagnetiche come radar e attacchi cyber. Punta ad ottenere effetti difensivi ed offensivi, mira al dominio dello spettro elettromagnetico attraverso tecnologie in grado di proteggere le forze amiche ed impedire l’utilizzo ostile dello spettro agli avversari. E’ una trincea elettronica a difesa di piattaforme aeree, navali, terrestri, spazio e cyberspazio, indispensabile anche per il dominio cibernetico. Le Operazioni nello Spettro Elettromagnetico si svolgono all’interno di un dominio parallelo che prevale su tutti gli altri domini.

Le ‘operazioni‘ eseguite all’interno dello spettro elettromagnetico riguardano la difesa nazionale, quella urbana e informatica, le comunicazioni. Tutti i conflitti emergenti hanno una natura sempre meno cinetica, meno fisica ed orientata al cyberspazio ed allo spazio elettromagnetico. La fusione di EMS e cyberspazio ha generato il filone CEMA (Cyber Electromagnetic Activities).

I bersagli della guerra elettronica possono essere radar, esseri umani, comunicazioni o altre risorse.

Rispetto a 20 anni fa, la guerra elettronica necessita di personale sempre più preparato, formato, qualificato e specializzato.

Tags: notizie
Commenti