ƒ

Ghiaccio e cielo azzurro su Plutone

Uno sguardo ravvicinato al pianeta come mai era stato dato.

di Valentina Cervelli 10 ottobre 2015 10:17

Cielo azzurro e ghiaccio su Plutone. E’ spettacolare cosa la sonda della NASA New Horizon continua a portare all’attenzione degli scienziati: il suo viaggio verso i confini del Sistema Solare è ovviamente lungo ma non privo di soddisfazione.

Al momento la sonda spaziale si trova a circa 5 miliardi di chilometri dalla Terra e sta inviando le fotografie prese nel corso del suo passaggio vicino a Plutone avvenuto lo scorso 14 luglio. L’invio delle immagini non è istantaneo ovviamente e nelle ultime ore ne sono arrivate due: la prima mostra “l’atmosfera” di Plutone, le nebbie che lo caratterizzano e che danno alla colorazione del cielo un azzurro intenso da quel che si nota e la seconda riprende diverse distese di ghiaccio formato da acqua.

Entriamo nello specifico del “cielo” di Plutone. A noi sembra azzurro da lontano: avvicinandosi esso apparirebbe grigio rossastro, ma è la parte blu del suo spettro che arriva ai nostri occhi. A cosa è dovuto il colore blu? E’ presto spiegato: da piccola particelle simili a fuliggine chiamate toline che riproducono lo stesso effetto che sul nostro pianeta si verifica grazie alle molecole di azoto. Le toline, tecnicamente, si formano grazie all’azione della radiazione ultravioletta sui composti organici come l’etano ed il metano che si combinano ad esempio con l’azoto. Tutto ciò secondo gli scienziati accadrebbe nella parte alta dell’atmosfera dove i raggi solari sarebbero in grado di rompere le molecole di azoto e metano consentendo loro di creare molecole ionizzate ( con più o meno elettroni, N.d.R.) e quindi più complesse.

Photo Credit | NASA/JHUAPL/SWRI

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti